Immagine 160

Immagine 166

Immagine 178

Immagine 182
(Opening Act: TrenteMøller)

I’m taking a ride with my best friend…in London – O2 Arena.
E’ il nostro quinto appuntamento live con i Depeche Mode: They never let me down.

Assistere ad un loro live è come vivere un’esperienza mistica.
I loro pezzi ti riportano indietro nel tempo, ma è come se venissero dal futuro…
Io e i miei amici conquistiamo una postazione di tutto rispetto nel parterre a pochi metri da Martin L. Gore. È bello vedere che tra il pubblico delle prime file si indossa quasi tutti una t-shirt di un concerto passato dei DM: è questa la vera fede e devozione…

Dave Gahn, che ogni tanto si avvicina anche al nostro lato, regalandoci attimi di pura estasi, è un frontman che non si risparmia: solo le ballate di Martin Gore riescono a placare un po’ la furia che riesce a smuovere Mr. Gahan.
Fletch, il più sobrio del gruppo, è un punto fermo….(anche nel senso che si muove appena) . Ma Flech è Fletch…
Due ore e un quarto di concerto. Due ore e un quarto di gioia per occhi e orecchie.

Il momento più bello per me: Barrel of gun, Behind the wheel, Enjoy the silence, Personal Jesus…ed i cori del pubblico su Home.
Pubblico composto e di varie età. Lo staff che a più riprese ci porge (letteralmente) dei bicchieri d’acqua per dissetarci.
Gran concerto, ottima compagnia.
But…words are meaningless, and forgettable…

Track list:
intro
welcome to my world
angel
in your room
precious
behind the wheel
should be higer
barrel of a gun
only when I lose myself
when the body speaks
heaven
soothe my soul
john the revelatory
soft touch / raw nerve
secret
enjoy the silence
personal jesus
goodbye
encore:
home
halo
just can’t get enough
I feel you
never let me down