DOVE SEI TU – TOUR
Ore 22,00. L’apertura del concerto di Cristina è affidata al simpatico Mr. Davey Ray Moor.
Con discrezione Mr. Moor si siede al piano e comincia a distillare note vera poesia.
Ha una bella voce, forse meno baritonale rispetto a quella del cantante del suo gruppo, ma abbastanza simile: ora capisco perché tutti lo scambiano per il cantante dei Cousteau.
Una bella sorpresa.
Esegue alcuni pezzi celebri dei Cousteau: dal suo primo disco riesco a riconoscere solo “Jump In The River”, quindi annuncia il suo “greatest hit”: The Last Good Day Of The Year”, questa accompagnata dal suono della tromba – corno (non quale sia il termine esatto)….
Piano, corno, chitarra: Davey Ray Moor si rivela un bravo polistrumentista, capace di alternarsi, durante l’esecuzione dei brani a questa varietà di strumenti musicali.
Al termine del suo breve show il musicista presenta colei che qualche momento prima ha definito: “the incredible Cristina Donà”.

Ecco la scaletta del concerto:
1)Invisibile
2)L’ultima giornata di sole
3)Nel mio giardino
4)In fondo al mare
5)Stelle buone
6)Truman show
7)Dove sei tu
8)Nido
9)Le solite cose
10)Triathlon
11)Terapie
12)Salti nell’aria
13)Un giorno perfetto
14)Invisibile
—-
a questo punto Cristina saluta il pubblico, ma poco dopo risale sul palco per un generoso bis:

15) Mangialuomo
15) L’aridità dell’aria
16) Goccia
17) Wuthering heights (di Kate Bush)
18) Ho sempre me
19) Una giornata uggiosa (di Lucio Battisti)
20) Message in a bottle dei (Police)

Serata magnifica, a parte l’umidità dell’aria……
Un live splendido. Cristina sempre più in forma…
Durante l’esecuzione di Triathlon Cristina saltava qua e là per tutto il palco…grande resistenza fisica….
Ora……..non vedo l’ora di rivederla.